Commissione affari sociali - Napoli per l'autismo

Vai ai contenuti
Audizione Commissione Affari Sociali
(Intervento Dott.ssa Russo: da min.34:43 a min.51:50 - Intervento conclusivo da 1:24:08 a 1:27:30)


Mercoledì 05 Giugno 2019 La Dott.ssa Luisa Russo, Responsabile del Centro Unico Aziendale per la Salute Mentale in età evolutiva della Asl Napoli 1 Centro, è stata invitata in Parlamento, dalla Commissione Affari Sociali per partecipare ad una discussione congiunta relativa alle risoluzioni in materia di disturbi dello spettro autistico. In tale sede ha illustrato i percorsi attuati in questi anni attraverso l'applicazione del Progetto PASS (Progetto Adozione Scolastica e Sociale) in collaborazione con i genitori dei bambini e dei ragazzi autistici (a partire dai quartieri Vomero/Arenella di Napoli) e con l'Associazione "La Città Adattabile - Napoli per l'autismo".

Di seguito il video dell'audizione, unitamente ad una considerazione personale della Dott.ssa Russo:

"Oggi è stata una giornata importante per i genitori, gli insegnanti, gli operatori socio-sanitari e tutti quelli nella comunità che si attivano quotidianamente per favorire il miglioramento della qualità di vita dei bambini e ragazzi con Autismo: sono stata convocata a Roma in Commissione Affari Sociali per parlare del Pass, il nostro Progetto di Adozione Scolastica e Sociale.
Mi è stato molto chiaro, anche ascoltando gli altri relatori, che la novità del Pass sta nel fatto che antepone i percorsi inclusivi a quelli più tradizionalmente terapeutico-abilitativi ( pur di fondamentale importanza!).
Mentre è ancora forte il riferimento a strutture, nel Pass si fa riferimento a servizi da erogare nei luoghi di vita del bambino e del ragazzo autistico.
In altre parole i luoghi riprendono la parola che gli è stata tolta lentamente ma inesorabilmente in tutti questi anni dopo le due leggi fondamentali sui diritti umani: la legge Falcucci del 1977, che chiude le scuole speciali per minori con disabilità e la legge Basaglia del 1978, che chiude i manicomi.
Il tema dei luoghi in entrambe queste leggi aveva un’importanza fondamentale: non si può “curare” un bambino ( come anche un adulto) in luoghi che non gli appartengono e dunque considerarli solo “ malati “da riabilitare in qualsiasi posto. Il Pass, dunque, anteponendo l’importanza dei luoghi significativi di vita dove avvengono le trasformazioni esistenziali, si riaggancia fortemente a tale tradizione avendo il coraggio di lavorare in continuità con i principi contenuti nelle due leggi che, lo ricordo, tutto il mondo ci invidia ma che spesso trovano ancor oggi molte resistenze da parte di chi antepone la
“ cura” al “prendersi cura” e le “strutture” al posto dei luoghi di vita.
Etica e scienza, diritti e cura dovrebbero essere sempre insieme in un binomio inscindibile...qualche volta, ahimè, ce ne dimentichiamo e così facendo restringiamo diritti e libertà di chi ha un diverso modo di essere e di percepire il mondo!"  
Luisa Russo
Social Club - ASL NA1
Luogo di integrazione culturale autismo e dintorni
Via Morghen, 84 - 80126 Napoli
Tel. 081.2549854-53
Responsabile: Dott.ssa Luisa Russo
Centro Unico Aziendale per la salute mentale in età evolutiva - Asl NA1
Social Club - ASL NA1
Luogo di integrazione culturale autismo e dintorni
Via Morghen, 84 - 80126 Napoli
Tel. 081.2549854-53
Responsabile: Dott.ssa Luisa Russo
Centro Unico Aziendale per la salute mentale in età evolutiva - Asl NA1
Grafica e web Design: Gianluca Patti
Torna ai contenuti